La nostra azione legale per il diritto dei cittadini lombardi a respirare aria pulita

Ritratto di Cittadini per l'aria

Abbiamo proposto un ricorso al TAR - insieme a AIPI, Associazione Ipertensione Polmonare Italiana Onlus - contro la Regione Lombardia per ottenere che aggiorni il Piano regionale degli Interventi per la qualità dell'aria (PRIA) e si giunga al rispetto dei limiti di legge per gli inquinanti al più presto possibile garantendo il diritto dei cittadini lombardi a una buona qualità dell'aria. “Servono azioni efficaci contro l’inquinamento atmosferico, per la salute. E questa è una causa che può essere replicata in altre Regioni d’Italia”.
 
A sostenere il ricorso l’organizzazione europea ClientEarth. 
Già vittoriosa nei tribunali di Regno Unito e Germania, impegnata anche in Belgio, Polonia e Repubblica Ceca, è alla sua alla sua prima campagna in Italia.
 
 
Nei giorni in cui i limiti per l’inquinamento atmosferico vengono ripetutamente superati in diverse parti della Regione per l’ennesima volta, è stato notificato a Regione Lombardia il ricorso al TAR della Lombardia di Cittadini per l’Aria Onlus e AIPI (Associazione Ipertensione Polmonare Italiana) Onlus contro la stessa Regione Lombardia e, in particolare, contro il presidente Roberto Maroni e l’Assessore Ambiente Energia e Sviluppo sostenibile Claudia Maria Terzi. Le due associazioni, sostenute da ClientEarth, si sono rivolte alla giustizia amministrativa dopo che, lo scorso dicembre, avevano diffidato la Regione.
 
Di fronte alla continua emergenza sanitaria determinata dall’elevata presenza di inquinanti dell’aria in tutta la Regione, infatti, Cittadini per l’Aria e AIPI, con il sostegno di ClientEarth, chiedono con forza che vengano poste in essere “azioni ed iniziative efficaci sotto il profilo del miglioramento della qualità dell’aria”. In particolare, viene chiesto alla Regione di aggiornare il PRIA, il Piano Regionale degli Interventi per la qualità dell’Aria approvato nel 2013 e rivelatosi insufficiente, come confermano i continui sforamenti dei limiti legali sempre più evidenti anche in questi primi giorni dell’anno.
 
“Ci rivolgiamo a un Tribunale perché in gioco c’è il diritto all’aria pulita e, quindi, alla salute dei cittadini”, spiega la legale di Cittadini per l’Aria Anna Gerometta. “L’inquinamento atmosferico fa ammalare in ogni fase della vita ed è inaccettabile che questo continui ad avvenire ogni giorno per la mancanza di politiche adeguate. Quella della Lombardia è la situazione più grave in Italia e quindi abbiamo deciso di partire da qui per lanciare un’azione legale che, potenzialmente, potrebbe essere replicata anche in molte altre Regioni del Paese”.
 
“Lo stato dell’aria in Lombardia è sconcertante” aggiunge Ugo Taddei, avvocato di ClientEarth al lavoro sul caso e su altri procedimenti in Europa. “È una delle regioni più ricche del continente, eppure ha livelli di inquinamento paragonabili alle aree industriali della Polonia. Ha tutti i mezzi per risolvere questa crisi cronica, eppure lamenta la carenza di fondi pur di rimandare a oltranza le azioni necessarie. Non c’è più tempo da perdere: il Governo Regionale ha un dovere morale e giuridico di agire con urgenza e dovrà risponderne davanti al TAR”. Il caso lombardo si inserisce in un quadro più ampio, all’interno del quale gli avvocati di ClientEarth e i loro partner locali stanno portando avanti azioni legali anche in Regno Unito, Germania, Repubblica Ceca, Belgio e Polonia.
 
 
Cittadini per l’Aria e l’inquinamento atmosferico
 
La campagna contro l’inquinamento atmosferico in Lombardia lanciata da Cittadini per l’Aria Onlus con il sostegno di ClientEarth è solo l’ultima iniziativa dell’associazione in questo campo. Nel dicembre 2016, è stato lanciato il progetto “NO2, NO GRAZIE”, che consente di realizzare la prima mappa dei veleni nell'aria di Milano creata dai cittadini per i cittadini.
 
A settembre 2016, invece, è partito ed è tutt’ora in corso “Facciamo respirare il Mediterraneo”, un altro progetto dedicato all’impatto - troppo spesso ignorato - delle emissioni navali sulla qualità dell’aria che respiriamo.
 
Cittadini per l’Aria, inoltre, aderisce alla campagna #DivestItaly, parte italiana della mobilitazione a livello globale Divestment, per invitare tutte i soggetti economici e in primo luogo gli investitori istituzionali a non investire in azioni (e obbligazioni) di imprese legate all’industria fossile.

Cittadini per l'aria
Condividi: 

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a capire se sei una persona oppure un robot.