Ricorso al TAR contro Regione Lombardia 2017-12-30T11:24:42+00:00

Una prima vittoria per i cittadini lombardi nella battaglia per un’aria più pura

Il 12 maggio il Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) di Milano ha formalmente chiuso il primo round dell’azione intrapresa da Cittadini per l’Aria e Associazione Ipertensione Polmonare Italiana (AIPI), con il sostegno di ClientEarth, per garantire il rispetto del diritto all’aria pulita dei cittadini lombardi. Si tratta di un primo e importante risultato positivo per l’aria della Lombardia. Come già nel 2011 un’azione di un gruppo di cittadini davanti al TAR ha forzato la Regione Lombardia ad attivarsi per adottare il Piano Regionale di Interventi per la qualità dell’Aria (PRIA). Adesso la giunta Maroni ha la possibilità di dimostrare di avere a cuore la salute dei cittadini lombardi, adottando un insieme di misure ambiziose. Cittadini per l’Aria, AIPI e ClientEarth continueranno a usare tutti gli strumenti offerti dalla legge per proteggere il diritto di tutti a respirare un’aria pura.

IL PROBLEMA DELL’ARIA

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’inquinamento atmosferico è il primo fattore di rischio ambientale per la salute umana. L’Agenzia Europea dell’Ambiente ha stimato che in Europa nel 2013 più di 430.000 morti premature sono riconducibili agli effetti dell’aria inquinata. L’Italia è uno degli Stati più colpiti, con oltre 66.000 morti da particolato fine (PM2.5), 21.000 da biossido d’azoto (NO2) e 3.000 da ozono (O3).

Normative europee (da ultimo, la Direttiva 2008/50/CE sulla qualità dell’aria) impongono il rispetto di valori massimi di concentrazione di polveri sottili e biossido d’azoto, rispettivamente, dal 2005 e 2010. In presenza di sforamenti dei valori limite fissati per la tutela della salute umana, le norme europee richiedono alle autorità pubbliche di adottare piani di qualità dell’aria per assicurare il rientro al di sotto delle soglie di legge nel tempo più breve possibile. Purtroppo, in Italia esiste una situazione di emergenza costante, con concentrazioni di inquinanti al di sopra delle soglie in modo costante e significativo. La situazione è particolarmente grave in Lombardia, dove già a marzo di quest’anno è stato superato il limite di 50 µg/m3 di PM10 più delle 35 volte concesse dalla legge e le concentrazioni di NO2 sono in molte aree due o tre volte sopra i valori limite.

La Regione Lombardia ha adottato il primo PRIA nel 2013, soltanto dopo esservi stata costretta da una analoga causa intrapresa da cittadini. Purtroppo, a distanza di tre anni, il piano esistente ha dimostrato tutte le sue carenze e non è stato in grado di raggiungere il rispetto delle soglie di legge.

LA CAUSA

A fronte di tale situazione gravissima, il 9 dicembre 2016 le associazioni Cittadini per l’Aria e AIPI hanno inviato una diffida alla Regione Lombardia, chiedendo l’aggiornamento del PRIA e l’adozione di misure più ambiziose. L’intimazione è rimasta purtroppo senza seguito e le associazioni non hanno avuto altra scelta se non rivolgersi al TAR. Il 20 febbraio hanno così chiesto al giudice amministrativo di porre urgente rimedio all’inerzia del governo regionale e di ordinare l’avvio della procedura di aggiornamento del PRIA. Come già successo in passato, soltanto l’attivazione in sede giurisdizionale ha convinto le autorità pubbliche ad agire. Il 3 aprile la Giunta Regionale ha adottato la Delibera n. 6438, con cui è stato dato avvio alla procedura di aggiornamento del PRIA.

Con la sentenza di venerdì 12 maggio, il TAR ha preso atto della delibera adottata dalla Regione e dichiarato la causa improcedibile per sopravvenuta carenza di interesse da parte dei ricorrenti. Dietro questa formula si nasconde una decisione in rito, usata nei casi in cui l’amministrazione pubblica si attiva a seguito del ricorso iniziale e accoglie la richiesta dei cittadini ricorrenti prima di una eventuale sentenza di condanna. Dal momento che la richiesta dei ricorrenti era legittima e che l’amministrazione non aveva provveduto ad attivare la procedura di aggiornamento tempestivamente (e, cioè, quando era stato intimato originariamente in dicembre), la Regione Lombardia è stata condannata a rifondere le spese legali a Cittadini per l’Aria e AIPI.

Il TAR non ha esaminato il contenuto della delibera di avvio della procedura di aggiornamento poiché, trattandosi di atto adottato nel corso del giudizio pendente e a ridosso dell’udienza fissata dal medesimo Giudice, ha ritenuto che tale delibera non potesse essere oggetto di giudizio. A questo punto, l’impegno sarà quello di seguire, sollecitare e contribuire al procedimento di aggiornamento e, in tale prospettiva, verrà valutata anche l’opportunità di impugnare la delibera di avvio dell’aggiornamento se utile ad ottenere una buona qualità dell’aria nel tempo più breve possibile.

COSA SUCCEDE ORA?

La Regione Lombardia ha ora intrapreso la procedura di aggiornamento del PRIA come intimato da Cittadini per l’Aria e AIPI lo scorso dicembre. L’allegato II della Delibera n. 6438 elenca le tempistiche delle varie fasi. I momenti più rilevanti saranno:

  • entro 5 mesi (3 settembre 2017), predisposizione e pubblicazione della relazione di monitoraggio del vecchio PRIA con riguardo al triennio settembre 2013-settembre 2016;
  • entro 8 mesi (3 dicembre 2017), pubblicazione della bozza di aggiornamento del PRIA e del rapporto preliminare di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) e inizio della fase di consultazione del pubblico su tali documenti;
  • entro 12 mesi (3 aprile 2018), pubblicazione del documento finale di aggiornamento del PRIA.

Cittadini per l’Aria, AIPI e ClientEarth seguiranno da vicino gli sviluppi della procedura di aggiornamento e faciliteranno la partecipazione alla decisione da parte di tutti i cittadini lombardi. Sarà, infatti, fondamentale che un alto numero di cittadini e associazioni facciano sentire la loro voce durante la partecipazione pubblica, per ottenere l’adozione di un piano ambizioso e non soltanto l’ennesimo documento contenente dichiarazioni di facciata, non accompagnate da misure concrete. Più in generale, la sentenza del TAR di Milano del 12 maggio scorso rappresenta un importante precedente. Il TAR ha confermato che cittadini e associazioni hanno diritto di pretendere l’aggiornamento del PRIA, qualora il documento di pianificazione esistente non sia idoneo ad assicurare il rispetto delle norme in materia di qualità dell’aria nel tempo più breve possibile.

Cittadini per l’Aria e ClientEarth non esiteranno a rivolgersi nuovamente al giudice amministrativo per assicurare il rispetto del diritto a respirare un’aria pura di tutti i cittadini italiani.

Cittadini per l’Aria e l’inquinamento atmosferico

La campagna contro l’inquinamento atmosferico in Lombardia lanciata da Cittadini per l’Aria Onlus con il sostegno di ClientEarth è solo l’ultima iniziativa dell’associazione in questo campo. Nel dicembre 2016, è stato lanciato il progetto “NO2, NO GRAZIE”, che consente di realizzare la prima mappa dei veleni nell’aria di Milano creata dai cittadini per i cittadini.

A settembre 2016, invece, è partito ed è tutt’ora in corso “Facciamo respirare il Mediterraneo”, un altro progetto dedicato all’impatto – troppo spesso ignorato – delle emissioni navali sulla qualità dell’aria che respiriamo.

Cittadini per l’Aria, inoltre, aderisce alla campagna #DivestItaly, parte italiana della mobilitazione a livello globale Divestment, per invitare tutte i soggetti economici e in primo luogo gli investitori istituzionali a non investire in azioni (e obbligazioni) di imprese legate all’industria fossile.

Iscriviti alla Newsletter

close-link