Fai la tua parte

1. Fai sentire la tua voce e diventa ATTIVISTA per L'ARIA

Ridurre l’impatto che deriva dall’inquinamento atmosferico è possibile, se vogliamo. Le opportunità e le soluzioni esistono, ma fino ad ora è mancata la volontà politica. Questo può e deve cambiare. Perché i decisori politici adottino le decisioni necessarie a ridurre l’inquinamento atmosferico e il suo impatto sul clima hanno bisogno del sostegno di una forte opinione pubblica. A volte questa esiste, ma non si manifesta nel dibattito. La cosa più importante che puoi fare è, quindi, far sentire la tua voce. Lo puoi fare individualmente, scrivendo lettere agli amministratori, contattando i politici, o diventando nostro membro attivo: puoi iniziare scaricando e diffondendo la nostra brochure o i nostri appelli a diventare Attivista per l'Aria da utilizzare sia con altre persone sia con imprese e organizzazioni. Scrivi una lettera, mettiti in contatto con le istituzioni per dire la tua sull’inquinamento dell’aria, associati e agisci con noi!

2. Cammina, usa la bici o i mezzi pubblici ogni volta che puoi

Se usi spesso l’auto e vuoi ridurre l'impatto sull'ambiente, allora questo è probabilmente l'area in cui cambiare le tue abitudini può fare il maggior contributo. Non molti sanno che anche le auto di ultima generazione inquinano fino a sette volte più di quanto previsto dai vigenti limiti Europei e di quanto dichiarato dalle case costruttrici. Usa la bici. La bicicletta è un'ottima alternativa per molti viaggi brevi - è veloce, a buon mercato, e il parcheggio è facile. L'unica energia che si utilizza è la tua – ed è un esercizio ideale! Una persona che utilizza la bici per fare un percorso di 5 km per andare a lavorare invece di guidare una vettura si mantiene in forma, risparmia denaro e, non ultimo, riduce le emissioni di anidride carbonica di circa 700 kg l'anno! Il progetto HEAT dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha persino sviluppato un modello per quantificare l’impatto economico dei benefici alla salute che genera camminare e andare in bicicletta stimando il valore della riduzione della mortalità derivante dall’uso continuato del cammino e della ciclabilità come mezzo di spostamento. Prendi l'autobus. Va bene, spesso ci vuole più tempo per viaggiare in autobus, treno o metropolitana che in auto - ma forse non tanto di più. E mentre qualcun altro è alla guida, è possibile leggere, dormire o semplicemente rilassarsi. Provate un giorno e confrontare il tempo di percorrenza e il vostro livello di rilassamento. Insegna ai tuoi bambini ad usare i piedi e i mezzi pubblici come mezzo di trasporto. Ne beneficerà la loro salute e cresceranno in autonomia. Prendi il treno. Stai pianificando di fare un lungo tragitto in auto - per lavoro o vacanza? La prossima volta scegli le opzioni che ti consentono di utilizzare il treno! Se hai bisogno di un'auto a destinazione, puoi prendere il treno e poi noleggiare un'auto. Utilizza il car sharing per andare al lavoro, a scuola o alle riunioni. Se normalmente usi la tua auto per andare al lavoro, puoi iniziare a condividere i viaggi in auto con un vicino o un collega di lavoro, così facendo puoi dimezzare il costo del carburante e le emissioni per ciascun viaggio. Quattro persone che normalmente viaggiano da sole condividono i loro percorsi di viaggio riducono le loro emissioni del 75 % - senza cambiare il modo di viaggiare! Parla con i tuoi colleghi e/o i tuoi vicini di casa. Se lavori in una grande azienda informati se esiste un mobility manager che ti può mettere in contatto con altre persone che percorrono la stessa strada alla stessa ora. Se la tua azienda non ha ancora questa figura o un programma di mobilità aziendale chiedi di attivarsi! Telelavoro, sempre quando possibile. Cittadini per l’Aria crede che le nuove tecnologie possano dare un forte impulso alle politiche di miglioramento della qualità dell’aria. Il telelavoro può ridurre in modo significativo i costi di trasporto, aumentare la produttività e ridurre i tempi morti nel traffico. Parla con il tuo datore di lavoro e chiedi di lavorare da casa per almeno una parte del tempo.

4. Compra una macchina che consumi poco e guida dolcemente

Scegli l'auto giusta. C'è una grande differenza tra il più consumo di carburante delle vetture - anche nella stessa classe dimensionale. Sappi comunque che recenti test hanno dimostrato che le auto consumano molto più carburante del dichiarato – fino al 30% in più – leggi il rapporto di Transport & Environment “Mind the Gap” che illustra come vengono spesso manipolati i test di consumo ed emissioni delle automobili. Attivati ed aiutaci a pretendere controlli su strada e nuovi standard di test a livello Europeo. Il modo in cui si guida è importante. Guidare dolcemente, prevenire e utilizzare la marcia più alta possibile. Una guida sostenibile può consentirti di ridurre il tuo consumo di carburante del 10-20 per cento, facendo piccoli cambiamenti nel loro stile di guida. Rallenta. Il consumo di carburante a 110 km / h è di circa il 20 % superiore a quando si guida a 90 km / h. L’alta velocità aumenta anche il rischio di incidenti. Controlla i pneumatici. Questa è probabilmente la cosa più semplice: controllare la pressione dei pneumatici regolarmente, ad esempio, ogni altra volta che si gonfiano. La corretta pressione dei pneumatici può ridurre il consumo di carburante di oltre il 5 per cento e fare sì che le vostre gomme durino più a lungo migliorando la gestione dell’automobile. Puoi aumentare leggermente la pressione del pneumatico sul valore contenuto nel tuo manuale d’uso (0,1- 0,3 bar). Regola il motore. Puoi risparmiare fino al 15 per cento di carburante. Alleggerisciti. Rimuovendo i pesi inutili e il portapacchi inutilizzato si diminuiscono le emissioni. Usa l'aria condizionata con moderazione. Un condizionatore d'aria ad un livello elevato può aumentare il consumo di carburante di circa il 10 %.

5. Prendi il treno piuttosto che l’aereo

Se misurato in Km/persona l’uso dell’aereo è il mezzo di trasporto che ha il maggior impatto ambientale. Un volo di 600 km genera circa 100 kg di CO2 a persona. Le emissioni di un analogo viaggio in treno sulla stessa distanza, supponendo che il treno utilizzi energia elettrica prodotta da una stazione eolica o idroelettrica, è di 4 grammi!

6. Usa elettrodomestici ad elevata efficienza energetica e lampadine a basso consumo

Controlla il tasso di efficienza energetica quando acquisti frigoriferi, lavatrici, lavastoviglie, forni, ecc. Un elettrodomestico a basso consumo può essere più costoso da comprare, ma poi è più economico da mantenere. Non comprare un frigorifero o un freezer più grande del necessario: maggiore è la sua capacità, più energia consuma. Verifica l’efficienza energetica degli elettrodomestici sul sito www.topten.info.
Passa alle lampadine a basso consumo (o fluorescenti). Durano dieci volte di più e consumano un quinto di elettricità rispetto alle lampadine tradizionali. In una famiglia si possono risparmiare in media centinaia di chilowattora ogni anno semplicemente sostituendo queste lampadine alle tradizionali.
Utilizzare gli elettrodomestici con buon senso è tanto importante quanto comprare quelli giusti: spegni quelli che non stai usando – quando sono in modalità standby possono consumare tra il 10 e il 60% dell’energia che richiedono per funzionare.
Una normale lavatrice consuma la stessa energia sia quando è a pieno carico che se sta lavando solo un paio di jeans – quindi cerca di usarla sempre a pieno carico. Anche se la tua asciugatrice è la più efficiente sul mercato, è ovviamente meglio per l’ambiente appendere i panni fuori ad asciugare. 

7. Abbassa il termostato del riscaldamento e risparmia acqua calda

Come regola generale l’energia usata per il riscaldamento si riduce del 5 per cento per ogni grado in meno di temperatura interna.
Se stai via per più di un paio di giorni vale la pena abbassare il termostato a 15 gradi. Il conto in banca e le piante in vaso ne sentiranno l’effetto benefico!
L’acqua calda rappresenta spesso uno dei maggiori elementi di consumo di energia in una casa e modificare il modo di usarla permette di risparmiare energia (e soldi), per esempio: è meglio fare una breve doccia invece che un bagno e magari utilizzare anche un doccione a risparmio d’acqua.

8. Isola di più

Ci sono molti modi per ridurre la perdita di calore dei fabbricati: prima di tutto isolando meglio il sottotetto che è il punto spesso meno isolato di una casa.
Elimina gli spifferi che lasciano fuoriuscire calore dalla casa. Tappa i buchi attorno alle porte e alle finestre. Richiedi una verifica energetica della tua casa: gli esperti individueranno le perdite di calore e ti diranno come rimediare.
Una semplice accortezza: chiudere persiane o tapparelle di notte permette di risparmiare tanta energia quasi quanto installare le moderne finestre ad alta tenuta termica. 

9. Controlla la provenienza delle merci quando fai la spesa

Gli ingredienti di una colazione normale hanno spesso viaggiato tanto quanto noi. Dai un occhio alla provenienza delle merci, nella maggior parte dei casi puoi ridurre l’impatto ambientale semplicemente scegliendo dei prodotti locali.
Se possibile fai la spesa nei paraggi invece che recarti nei centri commerciali fuori città. Nel peggiore dei casi il tuo breve viaggio da e verso il centro commerciale potrebbe produrre le stesse emissioni di anidride carbonica che verrebbero emesse nel trasporto su un camion delle stesse merci per 1000 chilometri!

10. Compra elettricità verde

Se possibile, compra elettricità “verde”, ovvero non inquinante. Forse puoi comprarla dalla tua stessa compagnia elettrica oppure puoi passare ad un fornitore di elettricità verde (dipende dal paese in cui vivi). 

>> Ulteriori letture

Cosa puoi fare per aiutare a spegnere il surriscaldamento globale. Suggerimenti dal WWF.
Per consigli sulle campagne, visita il sito sulle strategie per fare una campagna. http://www.campaignstrategy.org